Home  |  Sportello Informativo CIP  |  Sportello Informativo Montecatone  |  Le Risposte degli Esperti

Tennis in carrozzina

Introduzione
Il tennis in carrozzina è uno sport simile al tennis, adattato per i disabili.
E' apparso per la prima volta nel programma paralimpico di Barcellona 1992, dopo aver partecipato all'edizione di Seul 1988 come sport dimostrativo, promozionale.
Ha origine negli Stati Uniti nel 1970 e continua ad avere un forte sviluppo sia a livello di giocatori che di pubblico a livello internazionale. Sempre al 1988 risale la nascita dell'International Tennis Federation (ITF). Per la prima volta, ad Atene 2004, i tetraplegici hanno potuto gareggiare in partite di singolo e di doppio. Ad oggi, è praticato in più di 90 nazioni e la crescita del movimento è tale che si contano ben 130 tornei di tennis per disabili organizzati in tutte le parti del mondo.

Atleti
Praticano il tennis in carrozzina giocatori affetti da paraplegia (disabilità ad uno o ad entrambe gli arti inferiori) e giocatori con disabilità a tre o ai quattro arti (Tetraplegici). Per questi ultimi è prevista la categoria 'quad'.

Il gioco
Il gioco segue quasi totalmente le regole del tennis tradizionale e richiede le stesse doti di abilità, strategia e preparazione atletica: la sola differenza macroscopica con il tennis per normodotati è la possibilità che la pallina rimbalzi per due volte (la prima necessariamente all'interno delle linee di campo), prima di essere colpita. Se un giocatore con un handicap gioca con un normodotato, quest'ultimo dovrà colpire la palla con un massimo di un rimbalzo, invece quello con l'handicap potrà rispondere la palla anche con due rimbalzi.
L'incontro di tennis in carrozzina è giocato tra 2 (singoli) o 4 atleti (doppi). Vince la partita chi per primo si aggiudica due set.
La sedia a rotelle è considerata parte integrante del corpo, perciò si perde il punto nei seguenti casi: se la palla tocca qualunque cosa indossi ad eccezione della racchetta da tennis; se il giocatore utilizza volontariamente una parte dei piedi o delle gambe come freni o come stabilizzatori; se il giocatore si alza mentre colpisce la palla. La sedia a rotelle è lievemente differente dalle altre per dimensioni, assetto delle ruote, materiali e anche per la maneggevolezza.
Il campo non ha nessuna variazione di lunghezza e di superficie.
L'International Tennis Federation è l'organismo che governa il tennis in carrozzina attraverso l'International Wheelchair Tennis Association (IWTA), che include tutte le nazioni che praticano lo sport.

Regolamento Tecnico
http://www.superabile.it/web/it/CANALI_TEMATICI/Sport/La_documentazione/Regolamenti_tecnici/info-1171349090.html


Le risposte degli esperti in merito all'area Tennis in carrozzina